Soffri di gengivite? Ecco come si manifesta

gengive sane gengive malate

Sintomi gengivite

I sintomi possono essere anche molto lievi e passare inosservati. Per il benessere della bocca è bene non abbassare mai la guardia!

Gengive arrossate, che si retraggono, che fanno male al tatto o che sanguinano, anche poco, quando le spazzoliamo o quando passiamo tra un dente e l’altro il filo interdentale: sono i sintomi della gengivite, l’infiammazione del tessuto che riveste il colletto dei denti e forma le arcate dentarie, la gengiva.

La causa più frequente all’origine di questo disturbo è la presenza di placca batterica sottogengivaleche scatena la reazione del sistema immunitario, dando vita allo stato infiammatorio tipico della gengivite.

Oltre alla placca batterica, altre sono le condizioni che possono causare questo disturbo: l’assunzione di determinati farmaci, malnutrizione, lesioni traumatiche, presenza di virus e funghi, predisposizione genetica.

Ci sono poi alcuni fattori comportamentali e di salute che possono favorire l’insorgenza di gengiviti: tra questi ricordiamo l’abitudine al fumo, la presenza di alcune malattie come cancro, il diabete, e Hiv e le variazioni ormonali (nella donna).

Sebbene, in caso di gengiviti iniziali o di lieve entità, i sintomi possano essere leggeri e pressoché trascurabili, è bene non sottovalutarli e farsi visitare da un dentista di fiducia che indicherà la strada migliore da seguire per risolvere la condizione: in questo modo si eviterà che il processo infiammatorio a carico delle gengive si aggravi.

Se trattata, infatti, la maggior parte delle volte la gengivite regredisce senza lasciare problemi; se, al contrario, non viene curata, può evolvere in affezioni più gravi come gengiviti ricorrenti, ascessi e parodontiti (processi infiammatori più profondi che possono arrivare a provocare la perdita dei denti).

Consigli per prevenire la gengivite

Come spiegano gli esperti dell’AIDI (Associazione Igienisti Dentali Italiani) sono cinque le attività di prevenzione che ciascuno di noi può svolgere per ridurre al minimo il rischio di gengiviti:

  1.  Lavare i denti dopo ogni pasto, utilizzando una manualità adatta alla propria dentatura;

2.   Utilizzare un dentifricio specifico, indicato da uno specialista;

3.   Utilizzare il collutorio in abbinamento alla quotidiana igiene orale;

4.   Eseguire quotidianamente il controllo del bordo gengivale per individuare precocemente segnali di allarme come gonfiore o sanguinamento a carico delle gengive, al fine di intervenire al più presto per ristabilire il benessere di gengive e bocca;

5.   Effettuare periodiche visite dal dentista per valutare la salute del cavo orale (minimo una volta l’anno)

 

 

Tag:, , , ,