Gnatologia

ritrova il tuo benessere.

Chiamaci allo 011.205.93.71

La Gnatologia tratta i problemi dell’articolazione della mandibola

E’ una specialità medico – dentistica molto particolare e per il paziente che ne soffre tutt’altro che banale.

Il significato di gnatologia

La gnatologia è una delle branche dell’odontoiatria particolarmente complesse. Comprende tutte le patologie che riguardano l’articolazione della bocca e conseguentemente di tutti gli organi ad essa connessi. Le problematiche maggiori sono: difficoltà di apertura e chiusura della bocca, dolori al viso ed al collo, mal di testa da occlusione dentale tra mascella e mandibola, e quindi non diversamente spiegabili, bruxismo, incoordinazione della mandibola, vertigini o senso di instabilità, mal di schiena alle gambe o alle spalle, morso profondo o morso aperto, acufeni (fischi alle orecchie), dolori alla mascella, problemi posturali, blocco della mandibola, disordini o disturbi di qualsiasi genere nell’ambito dell’apertura o chiusura della bocca.

È una specializzazione medica rilevante nel panorama delle cure dentali.

Cosa fa un odontoiatra specializzato gnatologo

È un odontoiatra che ha conseguito una specializzazione in materia, che gli consente di svolgere accurati esami e valutazioni di carattere specialistico per i pazienti coinvolti. Una volta strutturato un esaustivo studio del caso può praticare un piano di cure adeguato al caso specifico. Solitamente lo specialista gnatologo collabora con altri medici: il posturologo, l’ortodontista, il chirurgo maxillo-facciale, l’odontoiatra protesista o implantologo.


In cosa consiste una visita gnatologica

L’obiettivo della visita gnatologica specialistica è di raccogliere innanzitutto i dati storici anamnestici del paziente. Tutta la sua storia clinica.

Inoltre lo specialista gnatologo deve capire se i fastidi e i sintomi accusati dal paziente possono essere ricondotti ad una malocclusione dentale, senza tralasciare ovviamente eventuali terapie in atto o pregresse probabilmente non risolutive o inadatte per quello specifico caso.

Articolazione Temporo Mandibolare

Kinesiografia

Spesso si presentano casi in cui in cui la disfunzione temporo-mandibolare è stata causata da semplici, seppur dannosi peraltro, precedenti trattamenti odontoiatrici, otturazioni o comunque trattamenti odontoiatrici che hanno modificato l’equilibrio occlusale del paziente stesso.

Lo gnatologo potrebbe aver bisogno di esami strumentali o diagnostici per completare il quadro clinico generale del paziente, per esempio la Risonanza Magnetica delle ATM (cinesi risonanza dell’articolazione temporo-mandibolare), l’orto-panoramica, la kinesiografia mandibolare, la TAC e l’elettromiografia. Gli esami sono molteplici e dipendono dalla tipologia di problematica o patologia presentata dal paziente.

La gnatologia posturale

La gnatologia posturale indica una scienza medica che studia le funzioni della mandibola, ma analizza anche il rapporto tra l’apparato masticatorio e il resto del corpo
Deve esistere un equilibrio corretto tra mandibola ed altri elementi del corpo ad essa collegati.
Quali le conseguenze anche lontane di una malocclusione?
Dolori e disturbi al tratto cervicale della colonna vertebrale, alle fasce muscolari del collo, alle spalle, ma anche lombo-sciatalgia, dolori alle ginocchia ecc. ecc.
Oppure effetti che sulla postura, sul sistema nervoso, sulla respirazione polmonare e cranio-sacrale.

Posturologi e gnatologi devono confrontarsi e collaborare per il benessere dei propri pazienti.

La pedana stabilometrica

I sintomi della malocclusione dentale

Quando l’arcata superiore e quella inferiore della bocca non chiudono correttamente. Il termine contrario di malocclusione è normocclusione.

In alcuni casi, più gravi, la malocclusione dentale ha come conseguenza una difficoltà oggettiva a chiudere la bocca e può portare con sé disturbi nel posizionamento della mandibola. Non solo: la malocclusione può ripercuotersi anche sul normale funzionamento della bocca e, pertanto, su svolgimento di azioni comuni e quotidiane come ad esempio il parlare o il masticare.

La malocclusione dentale compromette questo equilibrio di attività fonetiche e masticatorie. Altri sintomi della malocclusione dentale possono essere:

Quando l’arcata superiore e quella inferiore della bocca non chiudono correttamente. Il termine contrario di malocclusione è normocclusione.

In alcuni casi, più gravi, la malocclusione dentale ha come conseguenza una difficoltà oggettiva a chiudere la bocca e può portare con sé disturbi nel posizionamento della mandibola. Non solo: la malocclusione può ripercuotersi anche sul normale funzionamento della bocca e, pertanto, su svolgimento di azioni comuni e quotidiane come ad esempio il parlare o il masticare.

La malocclusione dentale compromette questo equilibrio di attività fonetiche e masticatorie. Altri sintomi della malocclusione dentale possono essere:

Acufene, ossia ronzio e fischi nelle orecchie

Mal di testa (cefalea)

Nevralgie al cranio e al collo

Mal di schiena

Dolore cervicale

Dolore alla mandibola

Le principali patologie trattate dallo Gnatologo

Blocco della mandibola

Può succedere che il paziente dopo un rumore di scatto a una o entrambe le articolazioni temporo-mandibolari poste pochi millimetri davanti alle orecchie, abbiano difficoltà ad aprire la bocca.

Le cause sono sostanzialmente due: una malocclusione causata da estrazioni, ortodondonzia o protesi mal eseguite, oppure traumi quali il colpo della frusta di incidenti stradali e non solo.

Dolori al viso e al collo

Molti pazienti riferiscono dolori al viso, al collo, alla testa e all’orecchio che, per qualche ragione, sono in relazione con i denti (occlusione o singoli denti cariati o infetti con granulomi).

Di solito il paziente si rivolge ad un neurologo oppure (soprattutto per l’orecchio) ad un otorinolaringoiatra oppure ad internet per cercare di risolvere il problema…non consigliamo di farlo: le conseguenze possono essere gravi ed è necessario una visita gnatologica specialistica.

Cefalea

Come un Dentista o uno Gnatologo può intervenire in casi di mal di testa da malocclusione? La cefalea è un disturbo di cui soffre una percentuale elevata di individui. Le più frequenti sono emicranie e cefalee muscolo-tensive.

Queste ultime sono spesso in rapporto con un disturbo occlusale e si giovano di una riabilitazione dell’organo della masticazione che può essere ortodontica o protesica (comunque effettuate da professionisti esperti di gnatologia).

La riabilitazione va preceduta dall’uso di bite specificatamente progettati, bite ortotici.

Bruxismo

Digrignamento dei denti o bruxismo è una attività eccessiva, prevalentemente notturna, dei muscoli che muovono la mandibola.

Acufeni

I cosiddetti acufeni (fischi o ronzii alle orecchie) possono essere in relazione con fenomeni di bruxismo e serramento dei denti.

Soprattutto gli acufeni recenti possono rispondere positivamente all’uso di un bite ortotico progettato dallo gnatologo per contenere il bruxismo. Spesso gli acufeni si associano a sintomi disfunzionali quali cefalea, dolori al viso e alla nuca.

Clic mandibolare

Le più moderne conoscenze di fisiopatologia neuromuscolare hanno mostrato che le artropatie temporo-mandibolari sono l’espressione di un quadro di disordine più vasto. 

Il click è tipico e chiaramente percepibile dallo stesso paziente in fase di apertura della bocca.

Chi sono gli specialisti in gnatologia

Come avrete capito, la gravità della malocclusione non è uguale per tutti e va fatta valutare con attenzione da un gnatologo specializzato, che saprà anche consigliarvi rimedi o misure cautelative da intraprendere. Inoltre, nei casi più severi di malocclusione potrà suggerirvi un intervento di ortodonzia correttiva.

Normalmente si inizia con un breve consulto per valutare la situazione ad oggi per poter programmare uno studio del caso completo per quel caso particolare.

Il prezzo di una visita gnatologica

Il percorso formativo dello specialista gnatolgoico è marcatamente specialistico. Uno Gnatologo infatti ha dapprima svolto un normale percorso formativo da Odontoiatra e successivamente si è specializzato su questa branca particolare dell’Odontoiatria.

L’Italia è universalmente riconosciuta come il Paese in cui sono presenti pochi specialisti gnatologici, ma con competenze di altissimo profilo.

Prenota la tua visita dentale specialistica

SENZA IMPEGNO

Per un consulto senza impegno vieni a conoscerci nella nostra clinica dentale a Torino. Verrai visitato dal nostro specialista più adatto a te e al tuo caso.

Ogni persona è unica e presenta una situazione clinica differente, che va valutata in tutti i suoi aspetti. Siamo consapevoli di quanto sia importante avere un’idea chiara e dettagliata dei costi prima di intraprendere una qualunque cura dentale o medica in generale; proprio per questo motivo presso la nostra clinica la Visita Dentale di controllo o prevenzione è senza impegno. Un odontoiatra valuterà il tuo caso specifico, illustrandoti un piano di cura personalizzato.

Dove Siamo

Per informazioni e prenotazioni di visite specialistiche, non esitate a contattarci!

Via Nicola Porpora, 61
10154 TORINO

Tel: 011 205 93 71

Orari:
Lunedì-Venerdì: 9.00 / 19.30 solo con appuntamento preso telefonicamente allo 011 205.93.71

Clinica adatta a pazienti con agibilità ridotta
Posti auto dedicati

Mail: reception@clinicadelbenesseredentale.it

Siamo chiusi dal 10 al 23 Agosto. Riapriremo regolarmente il 24 Agosto, alle ore 9.00

Clinica del Benessere Dentale è una clinica eccellente che fonda la propria etica professionale sull'importante e delicata relazione con il paziente: abbiamo un’unica sede in cui ti proponiamo ottime ed accurate cure odontoiatriche, le migliori attrezzature e il maggior sostegno in studio per situazioni anche rilevanti di ansia e paura del dentista.

BESTE S.R.L.
CLINICA ODONTOIATRICA INDIVIDUALE

P.IVA 03592510162
Copyright © 2019

 

TORINO

Via Nicola Porpora 61, 10154 - Torino
Tel: 011 2059371
Mail: reception@clinicadelbenesseredentale.it

Messaggio di informazione sanitaria ai sensi del combinato disposto degli artt. 2, co. 1°, del d.l.  4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, e della legge 30 dicembre 2018, n. 145, co. 525.

Direttore sanitario Dott. marco Zucca, aut. n° 104/16 del 01/09/2010