Indice del contenuto

  1. Mal di denti: quali sono i sintomi?
  2. Quali sono le cause principali del mal di denti
  3. Carie
  4. Sensibilità
  5. Dente del giudizio
  6. Cosa prendere quando si ha il mal di denti
  7. Rimedi naturali per il mal di denti
  8. Rimedi mal di denti per i bambini
  9. Mal di denti in gravidanza
  10. Rimedi specifici per il mal di denti in gravidanza
  11. Mal di denti: la vera prevenzione è sempre la stessa

Al giorno d’oggi è molto comune soffrire di mal di denti durante l’arco della giornata. Il consumo di bevande zuccherate, dolci e la mancanza di un’igiene orale adeguata rientrano tra le cause principali di questo fastidio. Il dolore, che si presenta come una serie ininterrotta di fitte continue e pulsanti, può essere lenito o eliminato in alcuni modo particolarmente efficaci. In base al disturbo tale male può essere acuto o mite e tendente ad accentuarsi in risposta a particolari stimoli fisici.

In generale il mal di denti è dovuto a un’infezione dentale o della gengiva. Ma le cause possono anche essere psicologiche.

Vediamo di trattare in maniera più approfondita l’argomento, ricercando le cause, i sintomi e le cure che si possono affrontare per venire a capo di un disturbo tanto comune quanto fastidioso.

Mal di denti: quali sono i sintomi?

I sintomi più evidenti del mal di denti hanno a che fare con l’ipersensibilità dentinale: la percezione dolorosa insorge ogni volta che i denti vengono a contatto con cibi freddi, caldi, salati o ricchi di zuccheri. Ma in generale parlare di sintomi equivale a mettere in gioco la possibile presenza di più patologie tra loro distinte, e tutte ugualmente serie e gravose. Dalle gengiviti, agli ascessi, alle carie, a granulomi, a cisti, a parodontiti, a pulpiti, alla sinusite. Il mal di denti può originarsi anche in concomitanza con malattie non infettive, o per cause esterne.

Quali sono le cause principali del mal di denti

Le cause del mal di denti sono tante e facilmente deducibili. In primo luogo è la mancanza di igiene orale, o una pulizia approssimativa e incompleta, eseguita in maniera inadeguata. La carie è una delle cause principali legate al mal di denti, ma vi sono altre cause infettive altrettanto tenaci che possono portare al dolore: l’alveolite, ad esempio, infiammazione dell’alveolo. Oppure una ciste dentale, o un granuloma, infiammazione cronica dell’apice radicale e di tutti i tessuti circostanti. Anche la parodontite concorre a provocare dolore ai denti, così come la pulpiteinfiammazione della polpa dentaria, e la periodontite, infiammazione dei tessuti di sostegno del dente.

igiene orale mal di denti

Carie

La carie è una malattia infettiva che può affliggere l’intero dente, a partire dalla superficie fino alla polpa dentale. Molto dolorosa, se non curata, può andare incontro a complicanze come gengivite, piorrea, ascesso dentale e granuloma.

La carie può attaccare il dente in tre posti diversi: sulle superfici di masticazione degli stessi, quando la placca rimane intrappolata nelle fessure dei denti; tra i denti, quando la placca viene lasciata libera di formarsi su superfici difficili da raggiungere. Non si possono raggiungere tali zone solo con lo spazzolino, in quanto solo il filo interdentale può essere utilizzato per la pulizia; sulle radici esposte dei denti. Quest’ultimo caso interessa soprattutto i casi di coloro che abbiano sofferto di un arretramento gengivale o della perdita dell’osso.

A seconda del grado di penetrazione della carie si distinguono cinque classi: iniziale, superficiale, profonda, penetrante, perforante. Le carie vengono solitamente curate rimuovendo le parti necrotiche e chiudendo la cavità, ma naturalmente la cura dipende dalla gravità della lesione. L’estrazione dentaria, ad esempio, viene svolta se il dente è completamente rovinato.

Ti potrebbe interessare anche Come prevenire le carie in 5 mosse

Sensibilità

Il mal di denti può essere inteso anche come una questione di ipersensibilità dentinale. L’ipersensibilità può derivare dall’abitudine a utilizzare dentifrici sbiancanti pieni di sostanze aggressive che indeboliscono lo smalto dentale. Anche il bruxismo e la recessione gengivalecontribuiscono a incrementare l’ipersensibilità dei denti. Tale ipersensibilità insorge quando i denti entrano a contatto con cibi freddi, caldi, acidi, salati o zuccherini. Inutile precisare che la mancanza di igiene orale è una delle cause che portano allo sviluppo dell’ipersensibilità.

Spesso è dovuta anche all’utilizzo di dentifrici sbiancanti, i quali contengono sostanze molto aggressive che vanno a indebolire lo smalto dentale. Essendo la causa non infettiva, non c’è necessita di interventi di otturazione o devitalizzazione per eliminare il dolore.

Dente del giudizio

Dente del giudizio

denti del giudizio sono quattro denti molari collocati nella posizione più interna dell’arcata dentale. Sono solitamente estratti quando producono problemi gravi o invalidanti come infiammazioni, carie, ascessi, cisti, una crescita scorretta, uno sviluppo incompleto, oppure sono scheggiati o rotti. I denti del giudizio non hanno alcuna utilità né di masticazione né estetica.

Durante la loro eruzione i denti del giudizio possono provocare dolore, specialmente quando crescono in maniera scorretta o parziale. Spesso, per debellare il dolore, c’è la necessità di incidere la gengiva per facilitare l’eruzione del dente.

Ti potrebbe interessare anche Denti del giudizio vanno estratti si no

Cosa prendere quando si ha il mal di denti

Dipende sempre da quanto forte è l’infiammazione e se per il dolore ai denti non concorrono altre cause. Certi farmaci possono essere utili per contrastare gli effetti di un ascesso, e magari rivelarsi inefficaci per lenire l’intensità di un’altra patologia. Valutate sempre con il vostro dentista ciò che bisogna fare.

In linea generica, per quel che riguarda i prodotti farmaceutici, IbuprofeneNaproxeneLidocaina Clorexidina sono tra gli antinfiammatori e antidolorifici più efficaci e popolari attualmente in uso. Quest’ultima si ritrova solitamente nei colluttori, proprio a causa delle sue proprietà antibatteriche.

Oltre ai farmaci di cui sopra, ci si può riferire ad antibiotici prescritti dai dentisti in presenza di un’infezione accertata.

Rimedi naturali per il mal di denti

Aglio e cipolla sono vere e proprie medicine naturali. Masticandone gli spicchi, il dolore è un po’ più sopportabile.

La malva può essere usata per la realizzazione di impacchi da applicare su ascessi, così come i chiodi di garofano, i quali sono eccellenti antidolorifici e disinfettanti naturali. Sono particolarmente indicati anche per chi soffre a causa di ascessi o altre infiammazioni orali.

Con i chiodi di garofano potete preparare un infuso da utilizzare come colluttorio per praticare degli sciacqui.

Consigliamo anche l’uso di menta piperita, le cui foglie essiccate possono essere utilizzate per la preparazione di un infuso lenitivo. Con l’infuso potete effettuare risciacqui o gargarismi. Inoltre la pianta ha proprietà calmanti.

Rimedi mal di denti per i bambini

La dentizione può causare molto dolore e fastidio ai neonati, spesso al punto da impedire loro il sonno e l’appetito. Spesso, al dolore ai denti, si accompagnano anche disturbi intestinali o episodi di febbre acuta.

Uno dei rimedi più utilizzati è costituito dagli anelli da dentizione: si tratta di prodotti pieni di liquido refrigerante, il cui sollievo è garantito dall’azione antidolorifica esercitata dal freddo. Gli anelli vanno generalmente tenuti in frigorifero. Nel caso in cui compaia anche la febbre, può essere indicato l’uso del paracetamolo, antidolorifico più usato per i bambini e con forti proprietà antipiretiche.

Può anche essere utile affidarsi all’omeopatia.

Consultate sempre il vostro medico di fiducia o un dentista pedodontista, specializzato in cure dentali per bambini.

prevenzione mal di denti

Mal di denti in gravidanza

Durante la gravidanza, la donna può andare incontro a diversi cambiamenti fisiologici, tali da influenzare lo stato di salute dei denti. Infiammazione dei tessuti gengivali e malattie come gengivite e parodontite sono molto comuni. In stato di gravidanza, i farmaci tradizionali non possono essere assunti per via del pericolo che possono portare. Le cause del dolore ai denti sono molteplici: infiammazione, ascessi, carie, parodontiti.

Inoltre, i cambiamenti ormonali repentini alterano le difese immunitarie e favoriscono l’insorgenza di disturbi di piccola o media entità.

Prevenire il mal di denti durante la gravidanza significa concentrarsi soprattutto sull’alimentazioneEvitare cibi pieni di zuccheri e grassi. E non farsi naturalmente mancare una pulizia dei denti corretta e costante.

Rimedi specifici per il mal di denti in gravidanza

Come abbiamo accennato poco sopra, i rimedi in gravidanza non si discostano dai soliti utilizzati in caso di mal di denti: da una pulizia orale accurata e completa, all’evitare cibi contenenti zuccheri, o almeno a limitarli, al consultare all’occorrenza il dentista per un controllo preciso e puntuale. Durante il periodo gestazionale, dal 4° mese in poi, anche i denti del bambino cominciano a formarsi e l’alimentazione diventa essenziale per contribuire al sano sviluppo dei denti da latte. La dieta deve essere varia e ricca di alimenti in grado di fornire un apporto di calcio sufficiente (latte e derivati del latte).

Uno dei rimedi naturali più conosciuti per la cura del mal di denti è l’acqua e sale: basta sciogliere 100 grammi di sale in un litro di acqua tiepida per i risciacqui. Anche masticare una fettina di cipolla cruda può essere efficace per curare il dolore.

Mal di denti: la vera prevenzione è sempre la stessa

Lavarsi i denti regolarmente è la prevenzione naturale più utile al fine di evitare brutte e oscure e dolorose sorprese. Passare lo spazzolino sulla lingua, così da rimuovere eventuali batteri nascosti, utilizzare il filo interdentale e il colluttorio, sono la prassi da seguire per un’igiene dentale a prova di infiammazioni e infezioni. Inoltre dovete regolare l’alimentazione, evitando cibi e bevande piene di zuccheri e grassi, tanto durante i pasti quanto fuori pasto.

Una dieta sana e bilanciata è l’ideale per assicurarvi che i vostri denti rimangano forti e stabili quel tanto che basti da tenerli al di fuori da patologie o infezioni particolari.

 

 

Ogni persona è unica e presenta una situazione clinica differente, che va valutata in tutti i suoi aspetti. Siamo consapevoli di quanto sia importante avere un’idea chiara e dettagliata dei costi prima di intraprendere una qualunque cura dentale o medica in generale; proprio per questo motivo presso la nostra clinica la Visita Dentale di controllo o prevenzione è Senza Impegno e Gratuita.

E’ l’atto medico fondamentale per avere chiara la propria situazione in merito alla salute orale e alle cure necessarie per ripristinarla. Puoi fissare un Appuntamento ed un medico odontoiatra specialista potrà valutare il tuo caso specifico, illustrandoti il tuo Piano di Cura Personalizzato.

Relativi costi e soluzioni di pagamento ti verranno ampiamente descritti in sede di visita, naturalmente senza alcun impegno da parte tua. Clicca il bottone qui sotto, Invia la tua Richiesta di Prenotazione e Verrai ricontattato dal nostro personale di reception.