Indice del contenuto

  1. Le tipologie di ascesso dentale di adulti e bambini
  2. L’ascesso gengivale e i sintomi
  3. L’ascesso dentale senza dolore, asintomatico
  4. L’ascesso dentale con gonfiore alla guancia
  5. Le cause dell’ascesso dentale
  6. Cosa fare in caso si presenti un ascesso dentale
  7. Quanto dura il dolore di un ascesso dentale
  8. L’antibiotico per l’ascesso dentale
  9. Quando fa effetto l’antibiotico per l’ascesso dentale?
  10. Per quanti giorni va preso l’antibiotico per l’ascesso dentale?
  11. Le cure e i rimedi naturali per l’ascesso dentale
  12. La prevenzione dell’ascesso dentale

Le tipologie di ascesso dentale di adulti e bambini

In base al punto esatto in cui si trova l’infezione può essere:

  • periapicale
  • gengivale
  • parodontale

E’ necessario quindi per procedere con la cura più adatta riconoscerne la tipologia. Una visita urgente dal dentista mette ogni paziente in condizione di avere una diagnosi adeguata, che sarà supportata anche e soprattutto dalla visita in sé (osservazione e palpazione leggera), da test diagnostici e radiovisiografie endorali mirate.

La forma più facile da riconoscere e curare è quella di origine gengivale.

E’ causata da piccoli processi infettivi, in alcuni casi anche dovuta ad un’infezione periapicale (situata alla fine della radice del dente) purtroppo trascurata.

Dovendo eliminare dolore e infezione si procede con una cura farmacologica normalmente di tipo antibiotico e solo successivamente si valuta la possibilità di un piccolo intervento di chirurgia orale per eliminare il pus. Spesso i pazienti chiedono di intervenire subito, ma è importante sapere che con l’infezione in corso non prende l’anestesia locale indispensabile per eseguire una cura dentale. E’ necessario attendere almeno un paio di giorni.

L’ascesso ai denti, derivato da una carie mai curata o infiltrata, prende il nome di periapicale, posizionato sulla punta della radice del dente. L’infezione è anche nella polpa del dente, internamente, è molto dolorosa, perché la zona è ricca di vene e terminazioni nervose. Se viene trascurato l’ascesso periapicale può portare ad una lenta necrosi. Può dunque essere pericoloso per la salute generale del paziente.

Per concludere abbiamo l’infezione parodontale. Tale tipologia di complicazione al cavo orale è molto frequente nei pazienti affetti da parodontite (piorrea) o predisposti a patologie gengivali.

Alla domanda: “Ma quanto mi dura un ascesso dentale, cosa devo fare?”, possiamo rispondere che dopo i primi due, tre giorni di terapia antibiotica che va proseguita ed effettuate le cure dentali necessarie in due o tre sedute, l’ascesso può essere permanentemente debellato. Tuttavia ogni caso va valutato molto bene con i test diagnostici più adatti per valutare la situazione in tutta la sua complessità.

Radiovisiografia endorale con le otturazioni dei canali evidenti poiché radio opache (dente centrale con due canali trattati)

Radiovisiografia endorale con le otturazioni dei canali evidenti poiché radio opache (dente centrale con due canali trattati)

L’ascesso gengivale e i sintomi

tipologie di ascesso gengivale-parodontale e periapicale

Tipologie di ascesso gengivale-parodontale e periapicale

Quali sono i sintomi dell’ascesso gengivale?

Il dolore al dente è molto forte, a carattere pulsante, come fossero dei battiti nel cuore del dente.
Le gengive invece si gonfiano e si arrossano e può uscire anche del pus.
In alcuni casi si può manifestare anche la febbre.
Altri sintomi dell’ascesso dentale possono essere alitosi e sapore in bocca cattivo.

L’ascesso dentale senza dolore, quindi asintomatico

E’ da considerarsi una tipica complicanza di una carie non curata o infiltrata, fratture o scheggiature dentali.
Il granuloma che ne deriva è dovuto ad un’invasione batterica proveniente dal canale radicolare.
Il granuloma se non è curato con attenzione e urgenza può estendersi anche alla polpa dentale, causando così pulpiti e necrosi della polpa radicolare. In alcuni casi non è possibile salvare il dente, che deve venire quindi estratto, purtroppo.
Fate molta, molta attenzione poiché negli stadi iniziali, l’infezione è asintomatica, ossia non vi provoca dolore o gonfiore, ma la presenza di batteri fa sì che nel tempo aumentino i rischi di complicanze gravi come l’ascesso dentale o le fistole, con possibilità di febbre alta o infezione.

Esistono varie tipologie di granuloma.

Il granuloma apicale è la conseguenza di un’infezione non curata associata ad una necrosi totale o parziale della radice dentale, può dipendere da numerose cause, quali ad esempio:

  • pulpiti non curate,
  • carie allo stadio avanzato,
  • traumi dentali,
  • complicanze di un’estrazione dentale malriuscita
  • una piorrea,
  • penetrazione di un corpo estraneo dentro la gengiva
  • irritazione cronica da agenti chimici irritanti.

Indipendentemente dalla causa scatenante tuttavia, il granuloma dentale può sconfinare nelle aree attigue in caso di necrosi (morte) del tessuto pulpare o qualora il dente sia stato devitalizzato.

Il granuloma dentale semplice può rimanere asintomatico per molto tempo.

Tuttavia è possibile avvertire piccoli disturbi come, ad esempio, una piccola pressione durante la masticazione: non indugiate assolutamente, ma recatevi con urgenza dal dentista.

Recatevi dal dentista con urgenza

Recatevi dal dentista con urgenza

L’ascesso dentale con gonfiore alla guancia

Quando la guancia è gonfia, ma non solo, anche gli occhi si possono gonfiare, significa che purtroppo si è formato un ascesso per necrosi della polpa (nervo).

In questo caso l’autocura è davvero deleteria. Cosa fare?

Innanzitutto l’antidolorifico non serve per ridurre il gonfiore, ma solo a gestire il dolore: occorre assolutamente assumere un antibiotico per ascesso dentale prescritto dal medico curante a cui non siete intolleranti.

È indispensabile recarsi subito dal dentista per una radiovisiografia endorale mirata o almeno una panoramica per localizzare l’origine dell’ascesso.
In molti casi, se è maturo, incidendolo si accelera la scomparsa della sintomatologia dolorosa. Il dentista ti scaricherà un po’ l’occlusione, ma poi dovrete fare la terapia canalare o estrarre il dente e sostituirlo con un impianto.

Nel frattempo suggeriamo di utilizzare del ghiaccio per il dolore e il gonfiore, di prendere l’antibiotico in cura completa prescritto dal medico o dal dentista e di dormire con 3 cuscini: il dolore diminuirà sino a scomparire in due, tre, giorni.

guancia gonfia causata da un ascesso dentale

guancia gonfia causata da un ascesso dentale

Le cause dell’ascesso dentale

come si crea un ascesso dentale

come si crea un ascesso dentale

La bocca è normalmente piena di batteri, che possono formare una pellicola adesiva sui denti chiamati placca.
Soprattutto in assenza di un’igiene orale corretta e regolare, gli acidi prodotti dai batteri della placca possono danneggiare i denti e le gengive, fino a causare la comparsa di carie o malattie gengivali.

Queste condizioni possono così predisporre alla comparsa di un ascesso dentale.

Quali sono i fattori di rischio dell’ascesso dentale?

  • scarsa igiene orale, in quanto la placca può accumularsi più facilmente sui denti;
  • consumo elevato di cibo e bevande zuccherate;
  • problemi preesistenti ai denti o interventi chirurgici non perfettamente riusciti, che possono fungere da porta d’ingresso per i batteri attraverso parti del dente e delle gengive danneggiate;
  • sistema immunitario indebolito (diabete, cardiopatici, soggetti in trattamento con cortisone o chemioterapici, …);
  • alcolismo,
  • fumo.
  • mancanza di prevenzione e visite regolari di controllo e di regolare pulizie dentali professionali

Cosa fare in caso si presenti un ascesso dentale

Esistono delle indicazioni su cosa fare e comportamenti da non seguire se siete affetti da un ascesso dentale. Vi diamo un elenco di consigli utili e controindicazioni che possono aiutarvi nel calmare i sintomi e velocizzare la guarigione.

Consigli su cosa fare in caso di ascesso dentale:

  • risciacquare la cavità orale con acqua tiepida e sale in quanto vi può aiutare a diminuire il dolore
  • pulire i denti con acqua tiepida evitando quella calda o fredda che provocherebbe più dolore.
  • aiutarsi con la terapia del freddo contro il mal di denti. Applicando del ghiaccio avvolto in un panno sulla zona in concomitanza dell’ascesso diminuirà il dolore.
  • non applicate acido acetilsalicilico (aspirina) sul dente malato. Molti pensano che facendo così diminuiranno il dolore. In realtà potrebbero invece aggravare i sintomi.
  • evitate cibi molto caldi o freddi.
  • se praticate attività fisica intensa ciò potrebbe aumentare il mal di denti in presenza di un ascesso dentale.
  • non bevete latte subito dopo aver assunto antibiotici (tetracicline). Gli antibiotici di questo tipo possono essere inattivati dal latte e prodotti a base di latte (formaggi, yogurth…)
  • evitate di usare il collutorio se prima non avete usato lo spazzolino per evitare la comparsa di macchie dentali.

Ricordatevi che La salute dei denti va protetta!

Dunque evitare di andare dal dentista in caso di ascesso dentale non vi aiuterà.

E’ importante prevenire infezioni dentali invece che curarle, come appunto l’ascesso dentale.

Per prevenire le infezioni, lavate i denti spesso e usate il filo interdentale e lo scovolino. Sottoponetevi a visite regolari dal dentista e ad un trattamento di pulizia dei denti professionale almeno due volte l’anno.

La prevenzione ed il controllo sono realmente l’unica vera arma che avete per evitare l’ascesso dentale.

radiovisiografia endorale mirata eseguita in clinica

radiovisiografia endorale mirata eseguita in clinica

protocollo di cura dentale per l’ascesso: il trattamento endodontico, ossia la devitalizzazione del dente

protocollo di cura dentale per l’ascesso: il trattamento endodontico, ossia la devitalizzazione del dente

Quanto dura il dolore di un ascesso dentale

Ecco la storia di un ascesso:

-in primis il dolore,

-successivamente il gonfiore, anche se in taluni casi all’aumentare del gonfiore il dolore potrebbe lasciare il posto ad un senso di indolenzimento che può tuttavia irradiarsi per tutta la metà del viso fino al collo,

-oppure l’impossibilità del paziente a masticare per il dolore vivo e intenso avvertito, compresa una sensazione tattile davvero suggestiva che è quella di avere come l’impressione che il dente si sia allungato; fatto questo puramente immaginario, s’intenda.

-per effetto della pressione esercitata dal pus all’interno dello spazio, le mucose che lo rivestono, impossibilitate a contenere altro pus, tendono a formare un improvvisato canale definito fistola che cerca in qualche modo di drenare il contenuto accumulato riversando al di fuori il tutto. Generalmente tale drenaggio, nel caso di un ascesso dentario, trova sbocco a livello gengivale o nei tessuti circostanti; raramente la fistola si va ad insinuare al di fuori della gengiva di fatto bucando il tessuto anche esterno della guancia, con evidenti problemi estetici ed eventuali nuove infezioni sovrapposte.

-altre volte, a causa della pressione esercitata anche involontariamente dalla lingua, la cavità può rompersi riversando l’intero contenuto di pus all’interno della cavità orale, fatto questo sgradevole, visto il disgustoso sapore del pus, ma a volte risolutivo per il paziente. L’insorgenza della febbre e di una condizione di spossatezza generale è conseguente all’infezione che si è determinata.

Prendendo l’antibiotico e l’antidolorifico prescritti dal medico o dal dentista ed applicando del ghiaccio nel giro di due / tre giorni il dolore intenso e il gonfiore dell’ascesso calano sino diminuire quasi del tutto.

Ciò non significa che sia guarita l’infezione ma che solamente i sintomi siano stati trattati, con possibile nuova insorgenza dell’ascesso stesso.

È’ importante procedere con una cura dentale che definitivamente curi l’infezione dentale, dalla polpa interna del dente sino all’apice delle radici e anche oltre, se necessario.

 

in arancio le parti del dente interessate dall’ascesso

in arancio le parti del dente interessate dall’ascesso

L’antibiotico per l’ascesso dentale

antibiotico per l’ascesso dentale

antibiotico per l’ascesso dentale

L’antibiotico e l’antidolorifico per l’ascesso dentale devono essere tassativamente essere prescritti dal medico curante o dal dentista. Sono da evitare tutte le forme di AUTOCURA.

Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia per l’ascesso, ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura.

Gli antibiotici per la cura dell’ascesso e per quanti giorni vanno presi per curare l’ascesso dentale

La cura deve essere completata e portata a termine come indicato dal medico per evitare l’insorgenza di recidive.

  • Amoxicillina (es. Augmentin, Klavux, Velamox): per la cura dell’ascesso dentale, si raccomanda indicativamente di assumere 2-3 g. di farmaco al giorno, da ripetere ogni 8 ore.
  • Metronidazolo (es. Metronid, Deflamon, Flagyl): per la posologia, si raccomanda di rispettare le indicazioni dettate dal medico. Il farmaco è spesso assunto per via endovenosa; la somministrazione è riservata agli ascessi di grave entità. Prolungare la terapia per 7-21 giorni, in base alla gravità della condizione.
  • Doxiciclina  (es. Doxicicl, Periostat, Miraclin, Bassado): il farmaco appartiene alla classe farmacologica delle tetracicline e può essere utilizzato in terapia per la cura degli ascessi. Indicativamente, si consiglia di assumere una compressa da 100 mg al giorno, per via orale, salvo ulteriore indicazione del medico.
  • Piperacillina sodica (es. Limerik, Picillin, Ecosette): il farmaco è una penicillina di semi-sintesi, ad ampio spettro d’azione, indicata per le infezioni batteriche nel contesto dell’ascesso grave. Per la posologia: consultare il medico.
  • Rokitamicina (es. Rokital, Paidocin): il farmaco antibiotico appartiene alla classe dei macrolidi. Indicativamente, per la cura dell’ascesso, assumere 1 compressa da 400 mg, due volte al giorno, possibilmente lontano dai pasti. Proseguire la terapia antibiotica per tutto il periodo stabilito dal medico.

Nota bene: la somministrazione di antibiotici è indicata solo quando l’ascesso si manifesta in modo particolarmente violento e quando intacca anche il tessuto che circonda l’area coinvolta; infatti, nel caso l’infezione rimanesse circoscritta all’ascesso, la cura con farmaci antibiotici potrebbe non essere necessaria. Tuttavia, per i pazienti immuno compromessi la somministrazione di antibiotici per la cura dell’ascesso si rivela quasi sempre indispensabile.

Farmaci per abbassare la febbre associata all’ascesso: la somministrazione del paracetamolo è indicata in caso di febbre elevata nel contesto dell’ascesso. Chiaramente, la somministrazione di questo farmaco è indicata solo per il controllo di un sintomo (alterazione della temperatura corporea) e non è utile in alcun modo ai fini della guarigione della malattia di fondo (ascesso).

Di seguito sono riportate le classi di farmaci maggiormente impiegate nella terapia per l’ascesso, ed alcuni esempi di specialità farmacologiche; spetta al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, in base alla gravità della malattia, allo stato di salute del malato ed alla sua risposta alla cura:

  • Paracetamolo o acetaminofene (es. Tachipirina, Efferalgan, Sanipirina): consigliato per minimizzare il dolore e ridurre la febbre nel contesto dell’ascesso. Assunto per via orale sottoforma di compresse, sciroppo, bustine effervescenti, o supposte, il farmaco viene generalmente somministrato alla posologia di 325 – 650 mg ogni 4-6 ore, per 6-8 giorni consecutivi, per far abbassare la febbre. Quando la febbre, specie se alta, persiste per lungo tempo, rivolgersi al medico.

Antidolorifici per il controllo del dolore associato all’ascesso:

  • Ibuprofene (es. Brufen, Moment, Subitene): per il dolore medio-moderato nel contesto dell’ascesso, si consiglia di assumere per via orale una dose di attivo pari a 200-400 mg (compresse, bustine effervescenti) ogni 4-6 ore dopo i pasti, al bisogno. Non assumere oltre 2,4 grammi al dì. In casi di dolore molto forte, è indicata la somministrazione endovenosa del farmaco (es. Pedea).
  • Naproxene (es. Aleve, Naprosyn, Prexan, Naprius): si consiglia di assumere il farmaco alla posologia di 550 mg due volte al dì (una capsula ogni 12 ore, salvo ulteriori indicazioni del medico), al bisogno, per il controllo del dolore associato all’ascesso.

Quando fa effetto l’antibiotico per l’ascesso dentale?

La cura deve essere completata e non interrotta a metà o quando fa effetto la cura dell’antibiotico sui sintomi dell’ascesso dentale (dolore e gonfiore).

Le cure e i rimedi naturali per l’ascesso dentale

Le cure e i rimedi naturali per l’ascesso dentale

Le cure e i rimedi naturali per l’ascesso dentale

E’ necessario fare molta attenzione poiché i rimedi naturali per l’ascesso dentale sono scarsamente efficaci.

L’unica soluzione è seguire – previa prescrizione medica – una cura antibiotica specifica, senza interromperla prima del termine.

Tuttavia, in attesa che la cura faccia il proprio effetto terapeutico, i prodotti naturali possono alleggerire o mascherare temporaneamente il mal di denti provocato dall’ascesso dentale.

Per esempio oltre alle applicazioni di ghiaccio per dolore e gonfiore, sempre ricoperto da un panno, prima che venga appoggiato direttamente sulla cute possono essere utili i seguenti rimedi naturali per l’ascesso dentale:

Chiodi di garofano (Eugenia caryophyllata Thunb) → L’olio essenziale di questa droga, opportunamente diluito ed applicato direttamente sul dente affetto da ascesso, allevia piuttosto efficacemente il dolore (pur non agendo in alcun modo sulla causa scatenante)
Propoli (tintura idroalcolica da applicare direttamente sul dente coinvolto dall’ascesso) → prodotto apistico dalle proprietà disinfettanti, antibatteriche, antinfiammatorie e cicatrizzanti
Echinacea (Echinacea purpurea) → ha proprietà disinfettanti ed immunostimolanti

Altri oli essenziali ad azione disinfettante (utile rimedio per l’alitosi originata dall’ascesso dentale):
Salvia (Salvia officinalis)
Menta (Mentha piperita)
Citronella (Cymbopogon nardus)

Per finire segnaliamo l’Aloe vera gel da applicare direttamente sulle gengive del dente colpito da ascesso: utile rimedio naturale per sfiammare ed alleviare la sensazione di bruciore

La prevenzione dell’ascesso dentale

Sicuramente la forma migliore di prevenzione dell’ascesso dentale sono una visita almeno annuale dal dentista, completa di panoramica completa e una pulizia dentale annua come minimo.

Altri consigli di prevenzione per l’ascesso dentale:

-Lavare sempre accuratamente i denti, almeno tre volte al giorno con dentifricio + spazzolino. Utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno.

-Durante l’igiene orale quotidiana, si raccomanda di pulire anche la lingua per eliminare eventuali batteri nascosti

-Utilizzare lo scovolino può prevenire la formazione di placca e tartaro tra dente e dente, riducendo così il rischio di malattie dentarie, compreso l’ascesso

-Quando non è possibile utilizzare spazzolino e dentifricio, sciacquare abbondantemente la bocca con semplice acqua di rubinetto a temperatura ambiente per rimuovere eventuali residui di cibo incastrati tra dente e dente

-Sottoporsi all’igiene dentale professionale e a visite di controllo come minimo una volta l’anno. Questo rimedio odontoiatrico rimuove placca e tartaro, e previene i disturbi del cavo orale come gengivitecariepulpite, ascesso dentale e mal di denti in generale.

lavarsi molto bene sempre i denti dopo assunzione di cibo o bevande

lavarsi molto bene sempre i denti dopo assunzione di cibo o bevande

Vuoi saperne di più sull’ascesso dentale e la sua cura?

Leggi l’articolo Endodonzia e devitalizzazione
 

 

Ogni persona è unica e presenta una situazione clinica differente, che va valutata in tutti i suoi aspetti. Siamo consapevoli di quanto sia importante avere un’idea chiara e dettagliata dei costi prima di intraprendere una qualunque cura dentale o medica in generale; proprio per questo motivo presso la nostra clinica la Visita Dentale di controllo o prevenzione è Senza Impegno e Gratuita.

E’ l’atto medico fondamentale per avere chiara la propria situazione in merito alla salute orale e alle cure necessarie per ripristinarla. Puoi fissare un Appuntamento ed un medico odontoiatra specialista potrà valutare il tuo caso specifico, illustrandoti il tuo Piano di Cura Personalizzato.

Relativi costi e soluzioni di pagamento ti verranno ampiamente descritti in sede di visita, naturalmente senza alcun impegno da parte tua. Clicca il bottone qui sotto, Invia la tua Richiesta di Prenotazione e Verrai ricontattato dal nostro personale di reception.

 

 

 

BESTE S.R.L.
CLINICA ODONTOIATRICA INDIVIDUALE

P.IVA 03592510162
Copyright © 2019

 

TORINO

Via Nicola Porpora 61, 10154 - Torino
Tel: 011 2059371
Mail: reception@clinicadelbenesseredentale.it

Messaggio di informazione sanitaria ai sensi del combinato disposto degli artt. 2, co. 1°, del d.l.  4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, e della legge 30 dicembre 2018, n. 145, co. 525.

Direttore sanitario Dott. marco Zucca, aut. n° 104/16 del 01/09/2010