Chiamaci allo 011.205.93.71 Via Nicola Porpora 61, 10154 Torino
Open hours: Lun-Ven: 9:30 - 19:30 - Sab: 9:30 - 13:30
Close
Chiamaci allo 011.205.93.71
Cosa fare per mantenere denti sani senza cure invasive?

Come mantenere denti sani evitando cure palliative o troppo invasive

Gli uomini di Neanderthal non si lavavano i denti, e oggi sappiamo anche come si curavano.

Un recente studio pubblicato su Nature, condotto dall’equipe di Laura S. Weyrich e Alan Cooper (università di Adelaide, Australia), a cui ha partecipato anche David Caramelli, del Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze, ha preso in esame i reperti di dentature di cinque individui vissuti circa 40 mila anni fa in Spagna e in Belgio.

Particolarmente importante è stata l’analisi della dentatura di un giovane individuo nel sito spagnolo di El Sidrón. L’arco è deformato da un grosso ascesso e sui denti sono stati trovate sequenze geniche di un batterio che provoca diarrea acuta (Enterocytozoon bieneusi) e il genoma quasi completo di un altro batterio orale, il Methanobrevibacter commensali, forse il più antico genoma microbico orale finora scoperto.

Cosa fare per mantenere denti sani senza cure invasive

Tracce di sofferenza, quindi, a cui si accompagnano però anche indizi di ciò che può essere interpretato come un tentativo di cura: sulla dentatura ci sono infatti anche indicatori della masticazione di muffe cresciute su materiale erboso (fonti di Penicillium) e di foglie di pioppo (fonte di acido acetilsalicilico, il principio attivo alla base della nostra Aspirina). Questo ha permesso ai ricercatori di ipotizzare, seppure con molta cautela, che quel primo umano fosse consapevole del rapporto consequenziale tra il masticare muffe e foglie e la riduzione del dolore. A corroborare l’ipotesi c’è anche il fatto che dalle arcate dentarie di altri individui dello stesso sito non sono state rilevate le stesse tracce.

Se l’uomo di Neanderthal non aveva né i mezzi né le conoscenze per poter prevenire le principali cause di dolore dentale, oggi abbiamo invece una serie di strumenti, di pratiche e di prodotti che se correttamente utilizzati possono garantire la salute dei nostri denti.

Mantenere i denti sani è fondamentale non solo per la salute orale, ma anche per la salute dell’intero organismo su cui possono ricadere le problematiche dentali!

Inoltre, prestare attenzione alla salute dei nostri denti permette di evitare cure e trattamenti spesso invasivi, a seguito di sintomi trascurati o sottovalutati.

Consigli utili per prevenire le malattie dei denti dovute alla cattiva igiene orale

Per garantirvi una bocca in salute, e prevenire le malattie correlate ad una cattiva igiene orale, i consigli da seguire sono pochi e semplici:

  1. Corretta igiene quotidiana

    – attraverso movimenti circolari dello spazzolino (che vanno dal rosa delle gengive al bianco della corona dentale) che dev’essere cambiato ogni 3 mesi, attraverso l’uso del filo interdentale, scegliendo dentifricio e collutorio adatti. Per rimuovere gli accumuli di placca e tartaro che non si riescono ad eliminare attraverso lo spazzolamento, è importante effettuare una seduta di igiene orale professionale in clinica (pulizia dei denti o detartrasi) almeno 1 volta l’anno, o comunque su consiglio del vostro dentista. Placca e tartaro, quando accumulati, possono portare a situazioni gravi quali recessione gengivale, gengivite, mobilità dentale e, nei casi più gravi, a parodontite (con possibile perdita dei denti).

  2. Prevenzione fin da piccoli

    – attraverso regolari controlli della placca, l’insegnamento del corretto spazzolamento, valutazioni ortodontiche (allineamento e posizione dei denti), sigillatura dei primi molari permanenti e fluoroprofilassi per la prevenzione delle carie.

  3. Controllo regolare delle gengive

    – che non devono risultare gonfie, arrossate, doloranti o sanguinanti: uno qualsiasi di questi indicatori suggerisce una condizione da verificare tempestivamente dal proprio dentista.

  4. Controlli medici regolari se in presenza di malattie

    – quali il diabete, l’arteriosclerosi e l’osteoporosi, che possono incidere anche sulla salute orale.

  5. Evitare il fumo di sigaretta

    – per garantire denti bianchi e sani: il fumo, infatti, aumenta da 7 a 10 volte il rischio di perdita dei denti, e le terapie per curare varie patologie dentali risultano meno efficaci.

  6. Seguire una dieta corretta

    – varia, equilibrata, evitando di consumare bevande o cibi particolarmente acidi o zuccherati fuori pasto. È consigliabile infatti consumarli, seppur con moderazione, durante un pasto completo per evitare che gli acidi vadano immediatamente ad intaccare i denti consumandone lo smalto. Una tecnica consigliata è anche quella di sciacquarsi immediatamente la bocca con dell’acqua dopo aver consumato bevande acide quali vino, spremute o caffè.

Le branche odontoiatriche di odontoiatria CONSERVATIVA sono:

Inoltre, è fondamentale che in un programma annuo di prevenzione siano presenti:

  • una visita dentale completa
  • una panoramica delle arcate dentali
  • una seduta di igiene professionale e di pulizia delle protesi.

Con un minimo contributo, queste prestazioni, oltre a numerosi altri vantaggi, servizi gratuiti e sconti sono presenti per pazienti singoli o in forma familiare con la nostra CARD SALUTE PREZIOSA BENESSERE DENTALE.

I nostri medici igienisti sapranno consigliarvi le tecniche, gli accorgimenti o i trattamenti più adatti al vostro caso specifico per garantirvi sempre la migliore igiene orale e prevenire complicazioni e disturbi anche di grave entità.

 

 

Richiedete una visita specialistica completa gratuita: cliccate qui per maggiori dettagli